L’EYE BANKING IN LOMBARDIA

In Regione Lombardia la Banca Occhi è presente in due sedi, la Banca Occhi Monza, c/o Fondazione IRCCS San Gerardo dei Tintori, e la Banca Occhi Pavia, c/o Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo, due strutture che operando in stretta sinergia hanno consentito, negli ultimi dieci anni (2013 – giugno 2023), di processare 46.851 tessuti e di distribuirne ai Centri trapianto 13.250. I progetti di collaborazione internazionale hanno permesso di trapiantare, a oggi, oltre 500 pazienti con tessuti provenienti dalla Lombardia: di questi il 3% con un’età inferiore ai 20 anni e nel 40% dei casi vittime di lesioni da scoppio di esplosivi.

di Raffaela Mistò *

L’attività di eye banking in Lombardia è a carico delle due sedi di Banca Occhi Regione Lombardia: Banca Occhi Monza, presso Fondazione IRCCS San Gerardo dei Tintori, e Banca Occhi Pavia, presso Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo. 

Le due Banche, istituite nel 1994, hanno aperto i battenti rispettivamente nel 1997 a Pavia e nel 1998 a Monza. 

Negli anni, l’attività di prelievo cornee è andata crescendo, tanto che, negli ultimi dieci anni (2013 – giugno 2023), i tessuti processati sono stati 46.851 e quelli distribuiti ai Centri trapianto sono stati 13.250. 

La notevole differenza tra prelevati e distribuiti, in linea con quanto riportato in letteratura, è il risultato della selezione che le Banche operano, cercando di garantire la massima sicurezza, dal punto di vista sia della trasmissione di patologie da donatore a ricevente che da quello microbiologico, e il decorso migliore sia in termini di qualità che di durata del tessuto innestato. 

A testimonianza dell’attenzione nei confronti della sicurezza microbiologica, Banca Occhi Monza ha sviluppato un progetto relativo alla “Validazione della procedura di controllo microbiologico dei liquidi di conservazione del tessuto corneale in accordo con i requisiti di Farmacopea Europea”, al quale, l’11 giugno 2023, presso Palazzo Belvedere a Montecatini Terme, è stato attribuito il premio dell’Associazione Italiana per la Ricerca e la Cura delle Malattie degli Occhi (AIRCMO). 

La sempre crescente collaborazione tra le due sedi di Banca Occhi Regione Lombardia ha avuto anche un risvolto internazionale, interrotto solo nei due anni di pandemia, ma già ripreso con maggior vigore. Le due Banche, verificata l’assenza di urgenze sia sul territorio regionale che sul territorio nazionale, inviano a scopo umanitario, tessuti certificati all’ospedale per i poveri di Peshawar in Pakistan. 

Ad oggi, sono oltre 500 i pazienti trapiantati con tessuti provenienti dalla Lombardia, di questi il 3% ha età inferiore ai 20 anni e oltre il 40% è stato sottoposto a innesto corneale a seguito di lesioni da scoppio di esplosivi.

Più recentemente, un altro versante che ha visto la partecipazione attiva delle due Banche è quello della formazione di medici e/o personale sanitario per l’attività di prelievo di cornee. 

Sono già quattro le edizioni del corso regionale, svolto in collaborazione con il Coordinamento Regionale, che hanno visto una notevole partecipazione del personale di molte strutture sanitarie lombarde e che ha portato alla formazione di oltre 120 prelevatori di cornee.  

 

* Responsabile della Banca Occhi Monza, presso Fondazione IRCCS San Gerardo dei Tintori

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *